Turchetti di Belmonte

Turchetti di Belmonte

I Turchetti di Belmonte sono una specialità reatina preparati con ingredienti semplici che ne fanno un biscotto di tipo rustico.

E’ un biscotto da inzuppo perfetto per la colazione oppure da pucciare nel vino.

Poco noto al resto dell’Italia e alla stessa regione di provenienza (Lazio).

Io stessa ne avrei ignorato l’esistenza se non fossi stata coinvolta dalla Camera di Commercio di Rieti e Viterbo in una cooking class in diretta insieme ad altri 22 fra giornalisti e blogger per la realizzazione di questo biscotto.

Essendo romana di nascita e referente regionale Lazio per l’Associazione Italiana Food Blogger sono rimasta entusiasta di cimentarmi nella realizzazione di questa ricetta.

Inoltre, come appassionata e “speleologa” di ricette dimenticate sono ben lieta di dargli voce sul mio blog perchè sono molto buoni.

ORIGINE DEI TURCHETTI DI BELMONTE

Pare che i turchetti di Belmonte nascono dalla cultura popolana contadina orientata al riciclo degli ingredienti.

Per farli venivano, infatti, usati gli avanzi di biscotti o torte invendute fatte essiccare.

Una volta essiccati si passavano al setaccio per ricavare una sorta di farina da riutilizzare per farci questi biscotti.

Secondo alcuni i turchetti semplici venivano fatti dalle massaie per ingraziarsi e tenere mansueti i turchi che erano arrivati in queste zone.

Come tutti i biscotti delegati al passaparola subisce alcune varianti, c’è chi li fa con la granella di mandorle o chi per renderli più golosi aggiunge gocce di cioccolato.

E’ un biscotto poco diffuso tuttavia molto radicato al territorio da cui prende il nome, Belmonte, dove ogni anno ad agosto si tiene la sagra del Turchetto che attira turisti della regione.

FOOD TIPS SUI TURCHETTI DI BELMONTE

Nella ricetta troverete la farina di tipo 1, se non la trovate potete usare anche il tipo 00 tuttavia le caratteristiche di questa farina esprimo al meglio il gusto di questi biscotti.

La farina di tipo 1 , infatti, ha un colore bruno ed è caratterizzata da una diversa capacità di assorbire i liquidi.

Per questo motivo nella ricetta suggerisco che la quantità di latte va dosata all’occorrenza.

Di fatti in base al tipo di farina impiegata nella ricetta potrebbe occorrerne poco meno oppure poco più latte.

Inoltre se volete un biscotto tipico regionale vi suggerisco di usare la nocciola romana gentile DOP un prodotto di eccellenza territoriale.

Non molti sanno infatti che questa qualità viene utilizzata per la realizzazione di molti prodotti dolciari, compresi alcuni dolci tipici come i tozzetti, gli ossetti da morto, i brutti buoni ed i mostaccioli.

Infine se volete rendere più golosi e particolari questi biscotti potete aggiungere gocce di cioccolato oppure scorze di arancia candite.

Sono perfetti da regalare nelle scatole di biscotti dono a Natale e ancor meglio da lasciare alla Befana.

Turchetti di Belmonte biscotti tipici del reatino fatti con farina, olio, zucchero, uova e nocciole
Ingredienti:
  • 500 g di farina tipo 1
  • 250 g di zucchero
  • 250 g di nocciole tritate
  • 220 g di olio (1 bicchiere colmo)
  • 120 ml di latte
  • 2 uova (+ 1 tuorlo per lucidare)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • scorza di 1 limone
Procedimento:

Disponete la farina a fontana e fate un buco nel centro.

Sbattete le uova con una forchetta e inserite al centro della fontana.

Mescolate per far assorbire le uova alla farina poi aggiungete tutti gli altri ingredienti lasciando il latte per ultimo.

Vi consiglio di versare il latte poco alla volta regolandovi in base a quanto ne assorbe la farina.

Impastate a mano fino a quando non avrete ottenuto un impasto morbido e compatto.

Prelevate una parte di impasto e modellatela per fare dei cordoni spessi un dito.

Schiacciateli con il palmo della mano per appiattire l’impasto mantenete uno spessore di 7 mm.

Modellate i bordi con un coltello a lama liscia; spingete un pochino l’impasto verso il centro con la lama del coltello e il bordo diventerà più regolare.

Tagliate in diagonale l’impasto per ricavare dei rombi.

Mettete i turchetti su una leccarda ricoperta di carta forno e disponeteli ben distanziati perchè, essendoci il lievito, in cottura cresceranno.

Spennellate la superficie con il tuorlo sbattuto al quale avrete aggiunto un goccio di latte.

Infornate nel forno preriscaldato a 170°

Cuocete in modalità statica per 15 minuti, fino a quando non risulteranno dorati.

Turchetti di Belmonte biscotti tipici del reatino

TI PIACCIONO I BISCOTTI SEMPLICI E RUSTICI?

Se sei un’amante dei biscotti rustici facili da realizzare ma buoni da consumare in ogni momento della giornata ti suggerisco la ricetta dei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.