‘MBRIACHELLE – CIAMBELLINE AL VINO BIANCO

'mbriachelle sono biscotti secchi semplici a base di vino, olio, farina e zucchero si mangiano intinti nel vino per questo si chiamano 'mbriachelle

M’briachelle, una ricetta della tradizione laziale alla quale appartengo, che costituisce un ever green nel decalogo dei dolci italiani.

PERCHE’ SONO CHIAMATE ‘MBRIACHELLE  

Sono biscotti tipici del Lazio, in particolare della Tuscia, Ciociaria, Castelli Romani.

In questo territorio sono conosciute anche come ‘mbriachelle non proprio per il fatto che il vino sia uno degli ingredienti caratterizzanti ma per la consuetudine di consumarle intinte nel vino.

Le ‘mbriachelle derivano dalla tradizione contadina, erano fatte con ingredienti semplici della terra (farina, vino e olio), in genere venivano serviti a fine pasto con il vino oppure offerte come dono, in particolare a Natale.

NON MISTIFICATE LA TRADIZIONE

Sulle ‘mbriachelle sono talebana ve lo dico!

Ho visto in giro diverse ricette in cui fra gli ingredienti c’è l’uovo.

Eh no! questa è una ricetta semplice le uova erano un lusso e venivo consumate semmai come companatico.

Ma soprattutto l’uovo darebbe all’impasto una morbidezza che non si confà al biscotto secco e asciutto quale invece è..

A ciò si aggiunga che l’uovo annullerebbe il profumo di vino che invece si percepisce quando mangiate le ‘mbriachelle.

LE MIE M’BRIACHELLE PER IL COOKIES SWAP

Ho scelto le ‘mbriachelle per partecipare al cookies swap di Jul’s kitchen , uno scambio di biscotti “alla cieca” fra persone che non si conoscono.

E’ stato organizzato da Giulia Scarpaleggia (Jul’s kitchen) che ha sorteggiato due nominativi, non necessariamente bloggers ma anche persone senza blog o pagine social, che ha messo in contatto per lo scambio.

In base al regolamento lo scambio ha ad oggetto biscotti tipici della propria regione, così a me sono venute in mente le ‘mbriachelle.

Nel resto d’Italia, e anche dalla mie parti, vengono identificate con le ciambelline al vino.

In comune hanno lo stesso impasto, solo quattro ingredienti fra cui il vino protagonista della ricetta, ma le ‘mbriachelle hanno preferibilmente una forma allungata tipo biscotto così scivolano meglio nel bicchiere del vino dove vengono pucciate.

UNA RICETTA DA SALVARE

Questa è una ricetta più che collaudata, direi infallibile! per questo vi consiglio di salvarla.

E’ il rifacimento di una delle prime ricette che ho pubblicato sul blog ovvero le ciambelline al vino rosso, con mio dispiacere “mortificata” da una foto che non gli rende giustizia (all’epoca fotografavo con il cellulare).

Prima o poi la cambierò per poter sponsorizzare la ricetta come merita talmente è buona.

Quella che vi propongo oggi invece è la classica ‘mbriachella che secondo la tradizione deve essere fatta con il vino bianco e frutta secca.

Facile da fare, a base di ingredienti comuni che si hanno sempre in casa e buona persino se doveste omettere la frutta secca.

Sono quei sfizi golosi graditi sempre quando regalati, vediamo allora come si preparano..

Ingredienti:
  • 500 g di farina 00
  • 150 g zucchero semolato
  • 145 ml di olio extravergine di oliva
  • 165 ml vino
  • 2 g lievito per dolci
Preparazione:

Accendente il fornon a 180°

Radunate vino, olio e zucchero in una ciotola e mescolate con un cucchiaio di legno fino a quando lo zucchero non si sarà dissolto.

Dopodichè inserite gradualmente la farina mescolando man mano che la inserite.

Aggiungete anche il lievito e mescolate ancora.

Cospargete il tavolo di farina, riversatevi il composto e impastate fino a ottenere un impasto liscio.

Prelevate piccole porzione di impasto rollatele sul tavolo per dargli una forma allungata.

Distribuite lo zucchero su un vassoio e man mano che formate le ‘mbriachelle intingetevi uno lato solo del biscotto e deponetelo su una teglia ricoperta di carta forno con la parte zuccherata rivolta verso l’alto.

Infornate nel forno caldo a 180° (modalità statica) e cuocete per 12/15 minuti.

Trascorso questo tempo, quando le ‘mbriachelle saranno dorate in superficie estraete la teglia dal forno e lasciatele raffreddare.

Non vi preoccupate se appena sfornate sembreranno un po’ morbide perchè raffreddando si induriranno.

'mbriachelle laziali tipici biscotti laziali nella foto presentati in un barattolo aperto senza tappo con i biscotti che fuoriscono dal contenitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.