Crème brûlée salata alla zucca e grana padano con pioppini

Crème brûlée salato alla zucca e grana padano con pioppini

Crème brûlée salata alla zucca e grana padano con funghi pioppini è un antipasto sfizioso e originale, fatto con l’ingrediente principe di questa stagione: la zucca.

CRÈME BRÛLÉE SALATA ALLA ZUCCA E GRANA PADANO

Se vi chiedessi in quanti modi avete cucinato o mangiato la zucca sono certa che fareste fatica a ricordare tutte le varianti in cui avete consumato questo ingrediente.

Io stessa sul blog l’ho proposta in molti modi: dall’antipasto, ai primi, come burger vegetale per secondo, ai dolci sia come torta che come biscotti.

Vi basterà inserire la parola zucca nel campo “search” in alto nell’homepage del blog e le troverete tutte.

La crème brûlée salata alla zucca e grano padano con funghi però è una versione gourmet rispetto alle altre ricette, per lo più semplici, che di sicuro vi farà fare un gran figurone se avete ospiti.

Per la ricetta ho preso ispirazione da un vecchio numero di Sale&Pepe dove era presentata come un crème caramel dolce e salato.

Sulla rivista era servito semplice mentre io l’ho rettificato aggiungendo dei funghi pioppini e ho commmutato il nome.

DIFFERENZA FRA CRÈME BRÛLÉE E CRÈME CARAMEL

Non a caso ho utilizzato il termine “commutare” che significa sostituire, invertire ed in effetti proprio questa era la mia intenzione s-cambiare il nome.

Si perchè la ricetta ha le caratteristiche più di una crème brûlée piuttosto che di un crème caramel.

A questo punto viene spontaneo chiedersi quale sia la differenza tra le due!?

Innanzitutto la crème brûlée è fatta con la panna liquida mentre il crème caramel è fatto con il latte oppure, secondo altre scuole di pensiero, con latte e panna.

Inoltre la crème brûlée ha una crosticina caramellata sopra che si forma durante la cottura mentre nel crème caramel lo strato si foma alla base dello stampo e, solo una volta capovolto, figura alla testa del dolce.

In comune i due dolci hanno la cottura in forno a bagno maria, per cui l’elemento distintivo focale è la panna che per certo è presente soltanto nella crème brûlée potendo essere omessa nel crème caramel che invece si fa per lo più soltanto con latte.

FOOD TIPS&TRICK: QUALE TIPO DI ZUCCA PER LA RICETTA?

La zucca come sappiamo ha un sapore tendezialmente dolce per questo la scelta della qualità di zucca è importante.

A mio avviso sarebbe meglio escludere quelle berrettina piacentina perchè farinosa e la zucca delica perchè una volta cotta è molto dolce.

La qualità più indicata a mio avviso è la zucca violina perchè ha una dolcezza appena accennata e la zucca trombetta d’Albenga perchè ha un sapore poco dolce e un sentore di nocciolae, entrambe quindi sono più indicate per una ricetta salata.

Il trucco per equilibrare il sapore dolce della zucca occorre un ingrediente amaro (oppure acido) come il pepe che funge da equilibrante in questa ricetta. Vi consiglierei quindi di non ometterlo mantenendo una quantità minima per non coprire il sapere delicato della ricetta.

Direi che ve ne basterà un pizzico.

Se la ricetta vi ha colpito e volete provarla, trovate di seguito gli ingredienti e il procedimento per farla.

Crème brûlée salato alla zucca e grana padano con pioppini
Ingredienti per 2 persone:
  • 130 g di zucca già pulita
  • 75 g di panna fresca
  • 70 g di grana padano
  • 80 g di funghi pioppini
  • 40 g di zucchero
  • 2 tuorli
  • 10 g di amido di mais
  • 5 foglie di salvia
  • 2 steli di prezzemolo
  • 3 cucchiai di olio
  • 1 spicchio di aglio
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
Preparazione:

Versate la panna in un pentolino, aggiungete la salvia e fate scaldare.

Poco prima che la panna inizi a bollire, togliete dal fuoco coprite con un coperchio e lasciate in infusione e lasciate raffreddare.

Tagliate la zucca a tocchetti e cuceteli a vapore per dieci minuti quindi frullate e riducete tutto in purea.

Sbattete i tuorli con sale e pepe con le fruste elettriche (o a mano) fino a quando non saranno spumosi.

Unite ora il grana padano grattuggiato, la purea di zucca, l’amido di mais, la panna infusa precedentemente filtrata poi mescolate tutto.

Versate lo zucchero con un pizzico di sale in un pentolino, unite un cucchiaio di zucchero e cuocete senza toccarlo fino a quando non avrete ottenuto un caramello ambrato [facoltativo].

Versate il caramello sullo sfondo degli stampini singoli.

Versatevi sopra il composto di zucca poi mettete lo stampo a bagno maria in una taglia con acqua calda.

Fate cuocere in forno statico a 150° per 40/45 minuti.

Fate raffreddare per un’ora poi mettete in frigorifero a raffreddare per sei ore.

Prima di servire preparate i funghi: mondateli, lavateli con un panno umido per rimuovere eventuali residui di terra e tamponteli con carta assorbente.

Mettete a rosolare l’aglio in una padella con l’olio poi unite i funghi pioppini e lasciate cuocere senza coperchio.

I funghi in cottura rilasceranno l’acqua di vegetazione che dovrà evaporare.

Dopo cinque minuti (o prima se necessario) aggiungete un po’ di acqua e metà del prezzemolo precedentemente lavato, asciugato e sminuzzato.

Portate a cottura i funghi poi spegnete.

Sformate le monoporzioni di crème brûlée salata e disponeteli sui piattini.

Ricoprite la crème brûlée salata con i funghi.

Completate con altro prezzemolo fresco tagliato fresco prima di servire.

Nota: se non amate la nota dolce eliminate il passaggio della formazione de caramello (come ho fatto io) ma imburrate lo stampo prima di versarci il composto.

Crème brûlée salato alla zucca e grana padano con pioppini

ALTRI ANTIPASTI CON LA ZUCCA?

Se vi piace la zucca e volete un antipasto alternativo più veloce da fare allora provate il mio carpaccio di zucca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.