Paccheri radicchio e taleggio con aceto balsamico

Pasta radicchio taleggio e balsamico per #giridipstaQualche settimana fa ho ricevuto in omaggio un pacco con una selezione speciale di diversi tipi di pasta dalla Molisana, per chi è italiano nel dna come me di fronte al prodotto principe del nostro bel paese si accende l’appetito e passano nella mente una gamma di possibili ricette da realizzare.

Il caso vuole che alcuni giorni dopo sia stata invitata da Giri di pasta a partecipare al loro contest creativo “Diventa pasta blogger” attuato in occasione dell’apertura del primo take away “napulegno” per sole frittatine di pasta, prevista per il 24 novembre in zona S. Gregorio Armeno, l’ospitalità al contest mi è sembra un fatalismo tale da farmi raccogliere l’invito e cimentarmi in un primo di pasta.

L’idea del radicchio crudo nella pasta cotta me l’aveva suggerita tempo fa una signora toscana durante un mio soggiorno a Montalcino quando, entrata per fare compere nel suo negozietto di oggettistica per la cucina, eravamo finite a parlare di cucina essendo anche lei un’appassionata della materia.

Memore di questo ricordo e di una ricetta simile che avevo visto in una rivista di uno di quei giornalini in distribuzione nei supermercati ho optato per questo primo piatto particolare all’apparenza estivo ma a ben vedere composto d’ingredienti tipici delle stagioni autunno-invernali: radicchio, noci e il taleggio, un formaggio indicato più per i mesi freddi.

Ed il balsamico nella pasta!? Non storcete il naso potrebbe sembrare un’azzardo ma garantisco che con questo abbinamento ci sta divinamente soprattutto quello al mosto di pere che ho usato io perchè l’accostamento pere e formaggio non è solo suggerito da vecchi adagi ma anche sponsorizzato dai più noti chef.

Un mix di sapori che lascia piacevolmente sorpresi per la cremosità del formaggio, il gusto deciso ma non troppo aspro del balsamico* e la croccantezza dello noci, tutti ingredienti che danno carattere al piatto creando un gusto davvero particolare.

Un piatto semplice da realizzare per portare in tavola un primo decisamente diverso dal solito.

Con questa ricetta partecipo nella sezione “cooking Blog” al contest “Diventa pasta blogger” di Giri di Pasta”

giri-di-pasta

Ingredienti:

Tempo 25 min
persone quantità 2
  • 160 g di paccheri La Molisana
  • 200 g di radicchio trevigiano
  • 100 g di ricotta vaccina
  • 40 g di taleggio
  • 30 g di gherigli di noci
  • di 2 cucchiai aceto balsamico al mosto di pera (o aceto balsamico di Modena)*
  • 3 cucchiai di olio extravergine d’oliva (Dievole 100% italiano Monocultivar Corativa)
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Preparazione:

Mettete a bollire dell’acqua salata per cuocere la pasta e nel frattempo dedicatevi alla preparazione della ricetta.

Realizzate un’emulsione con 3 cucchiai di olio, 2 di aceto balsamico, sale e pepe.

Lavate ed asciugate il radicchio, asportate il fittone poi eliminate da ciascuna foglia la costa centrale bianca più dura quindi tagliate le foglie a chiffonade e conditele con l’emulsione di aceto e olio poi tenetele da parte.

Tagliate il taleggio a pezzetti e tenetelo da parte.

In una ciotola lavorate la ricotta con un 2 cucchiai di acqua di cottura della pasta sino a ridurla ad una crema liscia.

In un padellino fate appena scaldare le noci affinché tirino fuori l’aroma (basteranno pochi secondi).

Scolate la pasta al dente (un paio di minuti prima del tempo indicato sulla confezione) e tenete da parte un bicchiere di acqua dove avere cotto la pasta.

Versate in una terrina la pasta aggiungete la ricotta morbida, metà del taleggio e amalgamate (se il condimento risulta troppo asciutto in questa fase aggiungete un po’ di acqua di cottura della pasta tenuta da parte) poi inserite metà del radicchio marinato e, se gradito, dell’altro pepe e mescolate ancora tutti gli ingredienti fra loro.

Impiattate decorando con il restante taleggio a pezzi, i gherigli di noce e l’altra metà di radicchio marinato che avete tenuto da parte.

Si consiglia di consumare appena la pasta subito altrimenti il la crema di ricotta si asciugherà.

Paccheri con radicchio all'aceto balsamico ricotta e taleggio

Nota: Se non trovate l’aceto al mosto di pera vi consiglio comunque di utilizzare un buon aceto balsamico di Modena perchè più corposo e dal sapore più rotondo che sposa meglio gli ingredienti con i quali si accompagna.

L’accostamento radicchio e aceto balsamico ti piace? prova anche la ricetta delle Bruciatine Emiliane

Se ti è piaciuta questa ricetta e non vuoi perdere le prossime metti il like sulla mia pagina   Facebook Cucinaserena o seguimi su Instagram e Twitter

Supply of pasta by La Molisana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.