Pancake americani con more selvatiche

pancakes americani

I pancakes americani sono, insieme alla cheesecake i dolci a stelle e strisce che preferisco.

LET’S TALK ABOUT PANCAKES

Non so se sia corretto epitetare i pancakes americani come “frittelle soffici”!?

Forse gli americano potrebbero risentirsi perchè infondo i pancakes sono i pancakes, qualcosa di unico.

In questo potrei non biasimarli ma di fatto assomigliano a delle frittelle, tanto più che vengono fritte con burro in padella.

I pancakes americano classici vengono serviti con un’abbondante colata di sciroppo d’acero e frutta fresca, preparati così richiamano istintivamente alla mente la tipica colazione americana.

L’ORIGINE DEI PANCAKES E IL MARTEDI’ GRASSO

Ma da dove provengono questi dolci americani, lo sapete?

Sembra che l’origine risalga al 500 a.C.e debba attribuirsi a una preparazione dell’antica Grecia le teganites che venivano cotte in una piccola padella tonda (tagenon in greco significa padella).

Nel Medioevo le facevano senza lievito

L’odierno termine pancake (pan= padella +cake=torta), invece, compare nel XV secolo per indicare un dolce che ancora oggi nei paesi anglosassoni viene consumato il Pancake Day.

Questa ricorrenza per gli inglesi cade il nostro martedì grasso di Carnevale, prima dell’inizio della quaresima.

Il cosidetto Shrove Tuesday (Martedì grasso, dall’inglese shrive, ovvero “assolvere”)

L’usanza di preparare queste frittelle nasceva proprio per consumare uova e burro prima di cominciare il periodo di digiuno

Oggigiorno si è tralasciata l’usanza di farli solo un quella ricorrenza.

Infatti ormai si consumano abitualmente in diversi paesi del mondo.

Un dato? pare che un italiano su tre, per lo più giovani, lo scelga per la colazione.

IL SUCCESSO DEI PANCAKES AMERICANI

Il successo dei pancakes è dovuto per lo più al fatto che si preparano molto velocemente.

Inoltre sono versatili, adatti alla colazione o a un brunch potendo essere fatti anche in versione salata.

Io vi presento l’intramontabile versione classica dolce, accompagnata da profumate more selvatiche tra i miei frutti preferiti ma voi potete scegliere la frutta che preferite.

Ma il principale fattore di successo, least but not last come dicono gli anglofoni, è la loro bontà.

Come resistere al sapore caramellato del liquido ottenuto dalla linfa dell’acero che permea la massa soffice e spugnosa della frittella!?

Sono una golosità unica ed irresistibile.

Rendete festosa la vostra colazione domenicale, ecco qui come prepararle..

Ingredienti:

Tempo 15 minuti
persone quantità 2
  • 150 ml di latte
  • 125 g di farina (00)
  • 1 e 1/2 cucchiai di zucchero
  • 1/2 cucchiaio di lievito per dolci
  • 1 uovo
  • 1/2 bacca di vaniglia (polpa) o 1/2 bustina di vanillina
  • 1 e 1/2 cucchiai di burro fuso
  • un pizzico di sale

Preparazione:

In una ciotola capiente sbattete le uova con il latte, il burro fuso (potete fonderlo al microonde pochi secondi a temperatura medio bassa) e la vaniglia.

Aggiungete la farina setacciata, lo zucchero, la polpa di vaniglia (o la vanillina), il lievito e infine il sale.

Mescolate bene finchè non avrete ottenuto un composto omogeneo.

Spennellate una piccola padella antiaderente on un po’ di burro e metterla su fuoco basso.

Versate con un mestolo un po’ d’impasto nella padella, cuocete circa 1 minuto.

Quando iniziano a formarsi le bollicine girate la frittella e cuocete l’altro lato per lo stesso tempo (1 minuto).

Quando saranno ambrate da entrambi i lati toglietele dal fuoco.

Mettetele in un piatto e servitele irrorate con abbondante sciroppo d’acero e more o altra frutta fresca di vostro gradimento.

Buoni sia caldi che freddi.

Pancake americani con more selvatiche

Nota: Potete sostituire l’acero con sciroppo di agave o con della marmellata.

Ricetta ispirata da cinquanta sfumature in padella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.