Dolcetti quaresimali al marzapane di Salonicco

Biscotti quaresimali di Salonicco, dolcetti a forma di mezzaluna ripieni di noci, albicocche secche, uva sultanina e confettura di albicocche

I dolcetti quaresimali al marzapane di Salonicco sono dolci consumati nel periodo pasquale in Grecia.

Dopo aver toccato la tradizione di Pasqua di tre diverse regioni italiane (Liguria, Abruzzo e Campania) con le ultime ricette, oggi ve ne propongo una greca che ho scoperto per caso e mi ha riempito di entusiasmo, più sotto vi spiego perché…

I DOLCETTI o BISCOTTI QUARESIMALI DI SALONICCO

A onor del vero la loro esatta denominazione è “biscotti quaresimali” di Salonicco, tuttavia, essendo la loro fattezza più simile a un dolcetto di frolla che a un biscotto ho deciso (arbitrariamente!) di ribattezzarli “dolcetti”.

Sono pasticcini a forma di mezzaluna con un ripieno di noci, frutta essiccata e confettura, spolverizzati di copioso zucchero a velo.

Si consumano durante la stagione quaresimale insieme a diversi altri dolci che celebrano questa festività, la più importante dell’anno per i greci.

Nei siti stranieri li chiamano skaltsounia e anche nel libro in cui li ho visti sono sottotitolati skaltsounia thessalonikis.

Non conosco approfonditamente la cultura greca ma con quel nome in genere sono indicati dei fagottini al formaggio, mi sfugge pertanto il collegamento con i skaltsounia.

UNA RICETTA CON UN IMPASTO ATIPICO

Stavo studiano le ricette di Pasqua da programmare sul blog, sfogliando uno dei tanti libri di cucina che ho in casa, “La cucina di Vefa“, ho scoperto questi dolci.

Mi hanno subito catturato per la particolarità dell’impasto, senza uova e senza burro (quindi gluten free, lacto free e anche vegan) e con un ingredienti particolare: la patata.

Si avete capito bene, la frolla (impropriamente chiamata così ma la consistenza è proprio simile, ancorché più morbida) è fatta con la patata anziché con burro, inoltre al posto della farina vengono impiegate le mandorle tritate.

Una peculiarità che ha colpito subito il mio spirito curioso e incline alla sperimentazione e mi ha acceso di entusiasmo come vi accennavo sopra.

L’intuito però mi suggeriva che questa preparazione fuori dell’ordinario mi avrebbe regalato soddisfazioni. E così è stato!

LE MIE OSSERVAZIONI SULLA RICETTA

Per realizzare i dolcetti quaresimali al marzapane di Salonicco vi consiglio di utilizzare patate fresche.

Quelle più vecchie, infatti, tendono ad assorbire maggiore acqua, fattore negativo per l’impasto che rischierebbe di risultare troppo umido e appiccicoso.

Per questo motivo sarebbe ideale cuocere le patate al vapore. Se le bollite in acqua, quindi, fate attenzione a non cuocerle troppo.

Per quanto riguarda il ripieno consiglio di mantenere l’abbinamento noci e albicocche essiccate.

Io ho provato a farli anche con fichi secchi e confettura di fichi al posto delle albicocche, sono buoni lo stesso ma l’abbinamento della ricetta originale li rende unici e particolari.

skaltsounia thessalonikis
Ingredienti per 22/24 dolcetti:
  • 450 g di mandorle pelate tritate
  • 100 g di patata lessa
  • 250 g di zucchero a velo
  • 1 cucchiaio di acqua di rose (o brandy)
  • 1/2 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • cannelle q.b.
Ingredienti per il ripieno:
  • 50 g di gherigli di noci tritati grossolanamente
  • 80 g di uvetta sultanina
  • 40 g di albicocche secche
  • 50 g di scorze di arancia candite
  • 2 cucchiai di confettura di albicocche

Preparazione:

Radunate in un mixer le mandorle, la patata lessa, lo zucchero, l’acqua di rose, l’estratto di vaniglia e lavorateli fino a ottenere un impasto sodo e malleabile.

Mettere il contenitore con l’impasto nel frigorifero per 2 ore, dopo averlo coperto con la pellicola oppure chiuso con un tappo o un piatto.

Per il ripieno unite le noci tritate grossolanamente, la frutta candita (arancia) e secca (albicocche e uvetta),la confettura e mescolate accuratamente.

Riprendete l’impasto dal frigorifero e stendetelo su di una spianatoia infarinata (con farina di riso se state realizzando una ricetta gluten free) a uno spessore di circa 3 mm poi con un coppapasta del diametro di 10 cm ottenete dei cerchi.

Mettete al centro di ogni disco un cucchiaio di ripieno poi ripiegate in due per ottenere una mezzaluna.

Infarinatevi le dita con lo zucchero a velo e fate una pressione sul bordo per farlo aderire bene ed evitare che il ripieno fuoriesca durante la cottura.

Disponete i biscotti su una teglia rivestita con carta forno.

Cuocete nel forno preriscaldato (statico) a 180° per 10/13 minuti, fin quando non risulteranno dorati.

Lasciateli raffreddare per 5 minuti poi sistemateli su una teglia con carta oleata ricoperta di zucchero a velo.

Ricoprite anche la parte superiore con abbondante zucchero a velo setacciato fino a ricoprirli completamente.

Se conservati in un contenitore ermetico e asciutto, si conservano anche un paio di settimane.

Potete quindi prepararli in anticipo e consumarli a Pasqua.

Crescent Shaped Pastries - patry made with walnuts dried apricot, raisin and apricot jam

Nota: Se ti piace l’aroma dell’acqua di rose o ti avanza quello acquistato per realizzare questa ricetta usalo per fare la torta persiana di rose.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.