Vellutata di cavolfiore al latte

cauliflower cream

Fino a qualche anno fa non ero un grande amante del cavolfiore, mi piaceva soltanto come lo fanno a Napoli  a insalata di rinforzo poi quando ho appreso le innumerevoli proprietà che ha e i suoi benefici ho preso coscienza che sarebbe stato opportuno incrementarne il consumo.

Il cavolfiore è ricco di minerali e vitamine in particolare la C, ed è ipercalorico (100 g di cavolfiore bollito ha solo 47 calorie).

Alcuni recenti studi gli attribuiscono proprietà anticancro, antinfiammatorie e depurative, è inoltre utile per combattere l’ipertensione ma anche il diabete in quanto contribuisce a tenere bassa la glicemia.

E’ così che motivata da principi salutisti mi sono poi spinta nelle trasformazioni di un semplice cavolfiore sperimentando le polpette vegetariane, la finta pizza di cavolfiore, il cavolfiore arrosto, ma di recente complici freddo, neve e la pioggia incessante di questi giorni, sono stata colta dalla nostalgia della vellutata di cavolfiore al latte di mia madre, cremosa e dal sapore delicato così l’ho preparata e ho pensato di pubblicarla sul blog.

La vellutata di cavolfiore è una ricetta adatta a tutti perchè vegetariana e lacto free nella versione con latte di riso, ed è anche gluten free, per mantenerla tale ho utilizzato una granola salata a base di ingredienti bio indicata per gli intolleranti al glutine, contiene infatti amaranto e miglio soffiato, semi di sesamo neri e semi di girasole, io la trovo deliziosa la mangio spesso anche come snack e la trovo perfetta per arricchire zuppe e insalate.

Per chi fosse interessato alla granola versione salata ho messo il link al sito dove è possibile acquistarla lo trovate fra gli ingredienti, se vi capita provatela è davvero buona.

La ricetta è molto semplice da fare e ha tempi di esecuzione contenuti, sarà pronta infatti in una ventina di minuti o poco più.

Provatela, sono certa che la sua delicatezza vi conquisterà…

Ingredienti per 2 persone:

  • 600 g di cavolfiore
  • 350 ml di latte vaccino o di riso (non zuccherato)
  • 250 ml di acqua
  • sale q.b.
  • granola salata q.b. (io Savoury granola gluten free) oppure crostini di pane
  • prezzemolo

Preparazione:

Pulite il cavolfiore eliminando il gambo e le foglie esterne.

tutorial vellutata cavolfioreAsportate le cimette dal gambo centrale e sciacquatele sotto acqua corrente.

Se ci sono cime più grosse dividetele in due.

Mettete tutte le cime in una pentola di dai bordi alti e copritele con acqua e latte secondo le dosi della ricette, (come noterete dalla foto la quantità di liquido copre a filo il cavolfiore), e salate.

Coprite la pentola con un coperchio lasciando una fessura per far uscire il vapore quando i liquidi inizieranno a bollire, in questo modo eviterete che una volta in ebollizione con la pressione fuoriescano.

Lasciate andare per una quindicina di minuti poi con una forchetta o un mestolo di legno iniziate a rompere le cimette, in questo modo cuoceranno prima e assorbiranno il latte.

Quando vedrete che il cavolfiore è diventato morbido, spegnete  e lasciare raffreddare per qualche minuto poi riducete il tutto in purea con un minipimer.

Versate la vellutate in delle ciotole per zuppa oppure in piatto fondo e completate con la granola salata oppure con dei crostini di pane precedentemente abbrustoliti nell’olio.

Il consiglio in più:  Questa è una vellutata dalla consistenza cremosa dal sapore delicato perchè fatta con il latte, se invece preferite i sapori più decisi aggiungete un po’ di parmigiano o pecorino.

crema di cavolfiore

Nota: per neutralizzare il cattivo odore di questo ortaggio uso il metodo di mia nonna ovvero mettere un pezzetto di pane raffermo imbevuto nell’aceto sopra il coperchio.

Supply of product by Forneria Veneziana

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.