Speculoos

Ricetta degli speculoosBentrovati nel nuovo anno che porta con se la scia odorosa di biscotti e di assuefazione ai dolci natalizi, fra poco arriverà l’Epifania, la ricorrenza religiosa che celebra l’arrivo dei Re Magi con i loro doni per Gesù bambino, è quindi l’occasione giusta per inserire nella calza dei bambini confezioni di biscotti insieme alle altre leccornie.

Fra tanti ho pensato agli Speculoos perchè non li avevo ancora messi sul blog, sono biscotti tipici del Belgio e dei paesi bassi che prendono il loro nome dalla sagoma in legno usata per dargli la forma, originariamente venivano preparati per il 6 dicembre, giorno di San Nicola, ma ormai sono così diffusi che vengono fatti tutto l’anno ma per il loro caratteristico odore di cannella sono indicati da regalare e consumare durante le festività  natalizie.

L’etimologia del nome è molto discussa, alcuni ritengono che il nome derivi dal latino “species” traducibile come spezie (presenti nell’impasto), secondo altri prenderebbe il nome dallo stampo di legno intagliato utilizzato per fare questi biscotti che riproduce personaggi in abiti tradizionali, c’è invece chi si appella al termine latino speculum, tradotto specchio, perchè l’incisione dello stampo viene impressa in maniera speculare sul biscotto.

Quando sono stata a Bruxelles lo scorso anno nel periodo prenatalizio li ho provati nella storica pasticceria Dandoy nei pressi della Gran Place che produce Spectaculoos Speculoos sin dal 1829 rigorosamente fatti con il tipico stampo in legno, ricordo che nella vetrina c’era uno speculoos gigantesco dalle sembianze di Saint Nicolas e varcata la soglia un odoroso profumo di spezie mi ha inebriata. Purtroppo non ho potuto comprare lo stampo in legno perchè nel negozio mi sono accorta che durante lo spettacolo di luci di Natale sulla Grand Place mi avevano rubato il portafoglio, una triste storia che mina il miei ricordi in questa minuta e multietnica cittadina europea (oublie ça..!).

Non avendo quindi lo stampo tipico che sarebbe stato certamente più indicato soprattutto per la calza della befana, ho scelto uno stampi in acciaio pressofuso tra i miei preferiti e gli ho dato così una veste più raffinata anche se la farina semintegrale e lo zucchero muscovado che tipicizza questo biscotto gli conferiscono un aspetto very brown.

Deliziosi e seducentemente profumati di cannella, spezia che adoro, profumeranno la calza che li contiene e la vostra casa dopo che li avrete cotti. 

Per altri biscotti di Natale vedete questi: Zimtsterne, Linzer cookies, biscotti renna Rudolph, biscotti vetro, Gingerbread.

Ingredienti:

  • 180 g di farina semintegrale (o farina 00)
  • 20 g di maizena
  • 120 g di zucchero di canna muscovado
  • 100 g di burro morbido
  • 1 cucchiaio di miele
  • 1 tuorlo
  • 5 g di cannella in polvere
  • 1/2 cucchiano da te di bicarbonato

Preparazione:

Lavorate il burro morbido con lo zucchero fino ad ottenere un composto spumoso.

Aggiungete il miele e il tuorlo e mescolate bene.

Incorporate la farina, la maizena, il bicarbonato, la cannella e il pizzico di sale poi impastate fino ad ottenere un impasto liscio, compatto e omogeneo.

Avvolgetelo nella pellicola trasparente e mettetelo a riposare in frigorifero per mezz’ora.

Accendete il forno a 170 °C è portate l’abitacolo a temperatura.

Nel frattempo riprendete l’impasto formate delle palline della grandezza di una noce e premete con gli stampi per biscotti in modo da imprimergli la forma, facendo pressione la frolla si espanderà assumendo la tipica forma tonda del biscotto.

In alternativa stendete la frolla a un altezza di 2-3 mm e ricavate i biscotti con un tagliapasta.

Adagiate i biscotti su una leccarda ricoperta di carta forno ben distanziati fra loro poi infornate e lasciateli cuocere per 8-10 minuti.

Trascorso il tempo di cottura estraete la teglia dal forno e lasciate raffreddare completamente.

Si conservano fino a due settimane in una scatola di latta o in un barattolo a chiusura ermetica.

ricetta degli speculoos

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *