Risotto al prezzemolo

risotto alla clorofilla di prezzemolo e mascarponeUn risotto dal sapore essenziale ma sicuramente particolare, facile da realizzare ed economico che di questi tempi è un valore aggiunto.

Al prezzemolo direte voi!? si avete capito bene, forse qualcuno scetticamente si starà chiedendo come sarà un risotto fatto solo con questo ingrediente!? rispondo io “buono“! diversamente non lo avrei pubblicato sul blog ma credetemi nella sua semplicità/delicatezza lo è davvero.

Una ricetta nata per caso quando studiavo per le giornate di Petronilla (di cui vi ho parlato qui) la madrina delle ricette facili, veloci ed economiche, la ricetta del riso al prezzemolo trovata su uno dei suoi libri mi aveva incuriosito ma la sua versione al sugo mi convinceva poco, l’intuito mi suggeriva qualcosa di più delicato che non fosse coperto dal sapore del pomodoro così mi sono ricordata della ricetta dello chef Piercarlo Zanotti dalla quale ho preso l’idea della clorofilla ma come ogni buon risotto richiede era necessario un elemento grasso legante per dargli la giusta cremosità ed equilibrare il sapore, ho pensato quindi al mascarpone memore di quanto avevo visto fare in tv da uno chef che utilizzava il mascarpone per mantecare i suoi piatti risottati.

In questo modo ho evitato di utilizzare il burro ciò contravviene alla tradizione lombarda che ritiene quest’ultimo essenziale per un risotto ma è pur vero che le regole della cucina lasciano spazio alla fantasia e alla libera interpretazione non essendo ferree come quelle della matematica o della pasticceria.

Possiamo dire quindi che questo risotto sia nato da una “crasi gastronomica” di conoscenze acquisite per studio, per caso e per curiosità sperimentale, un po’ come ho rappresentato nella descrizione del blog il mio sentire in cucina che nasce tra spontanea creatività, ricerca e studio.

Se siete in vena di sperimentazioni provatelo è una ricetta che vi soprenderà, ecco come farla..

Ingredienti per 2 persone:

  • 160 g di riso carnaroli
  • 1 mazzetto di prezzemolo riccio fresco
  • 500 ml di brodo vegetale
  • 50 ml di vino bianco
  • 1 cipolla
  • 70 g di mascarpone (o formaggio cremoso vegano)
  • 1/3 di un bicchiere di olio extravergine di oliva

Preparazione:

Sminuzzate la cipolla e rosolarla con poco olio fino a quando non prende colore.

Quando vedrete che ha preso un bel colore biondo aggiungete il riso e fatelo tostare poi sfumate con il vino bianco e fatelo evaporare.

Quando vedete che il vino è evaporato aggiungete poco alla volta il brodo (che dovrebbe essere già sapido in caso contrario aggiungete un po’ di sale) mescolando continuamente con delicatezza, uno dei segreti per fare un buon risotto infatti è non abbandonarlo mai sui fuochi ma tenerlo costantemente d’occhio e girarlo spesso senza troppa forza.

Mentre il riso cuoce sotto il vostro sguardo vigile dedicatevi alla realizzazione della clorofilla di prezzemolo: lavate. asciugate accuratamente il prezzemolo e sfogliatelo eliminando i gambi e tenendo da parte solo le foglie. In un contenitore stretto e alto (ideale quello dato in dotazione con il minipimer) versate 1/3 di un bicchiere di olio, il prezzemolo, una presa di sale ed emulsionate con il frullatore (o minipimer) fino ad ottenere una salsa cremosa ma non troppo liquida poi passatelo con un colino, raccogliete la clorofilla e tenetela da parte.

In una ciotola mescolate poco il mascarpone, giusto il tempo di portarlo a una consistenza cremosa uniforme e riponetelo in frigo coperto fino all’utilizzo.

Quando il riso sarà giunto a metà cottura versate la clorofilla nel riso e continuate a cuocerlo fino a raggiungere il tempo indicato sulla confezione (in tutto circa 15/16 minuti) ma toglietelo dal fuoco un paio di minuti prima che la cottura sia ultimata (ciò tenendo conto del  tempo che sarà necessario per la mantecatura), a questo punto inserite (fuori dai fornelli) il mascarpone e mescolate sino ad ottenere un risotto cremoso e condito omogeneamente.

Impiattate subito e servite decorando con del prezzemolo tritato fresco o le sue foglie come guarnizione.

clorofilla di prezzemolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *