Calamarata con mazzancolle e asparagi

Calamarata con mazzancolle e asparagiL’estate non so perchè mi ispira molto la cucina di mare, sarà forse dovuto al ricordo della spaghettate e delle fritture mangiate nei ristoranti degli stabilimenti balneari, sarà quel venticello caldo che spira o forse nel mio caso è dovuta all’apertura del mio balcone alla stagione estiva.

Ho la fortuna infatti di avere un balcone ampio dove c’è spazio per un salottino da esterni e un tavolo abbastanza grande per poterci mangiare in più persone e quando arriva l’estate mi piace sfruttarlo rifugiandomi lì per prendermi del tempo per leggere un libro, lavorare al blog o stare anche un po’ sola con i miei pensieri cercando di metterli in ordine e recuperare il filo delle cose quando la matassa è diventata troppo aggrovigliata.

Allo stesso modo mi piace l’idea di non dover mangiare chiusa fra le mura del salone o della cucina e di poterlo fare sul balcone accarezzata dai raggi del sole respirando la lieve aria che tira sotto la tenda aperta nelle ore in cui il sole è alla sua massima espressione di calore.

Questo piatto è nato un po’ così dagli asparagi di stagione visti sui banchi del mercato e dalla voglia di mare che non ho ancora visto quest’anno ma che anelo già, inizierò quindi da questa calamarata ad assaporare la stagione balneare e a godermi l’estate che è la mia stagione preferita (forse perchè sono nata a giugno!?).

La ricetta è semplice e alla portata di tutti, quindi sia che vogliate coccolarvi, che desideriate cucinare un piatto leggero ma gustoso e anche appetibile visivamente per la persona che vi sta a cuore o che intendiate fare una bella figura con gli ospiti vi consiglio di provarlo…

Ingredienti:

Tempo 35 minuti
persone quantità 2
  • 160 g di calamarata
  • 140 g di asparagi già puliti
  • 10 mazzancolle
  • 1 spicchio di aglio
  • 10 ml olio extravergine di oliva q.b.
  • sale q.b.
  • 1 bicchierino da caffè di vino
  • zenzero fresco q.b.
  • ½ bicchiere di fumetto di pesce

Preparazione:

Mondate gli asparagi tagliando la parte finale, eliminando con un pelapatate la parte esterna (per questione di tempi sarebbe meglio averli già mondati), sciacquateli sotto acqua corrente poi tuffateli in una asparagera con acqua già al punto di bollore dopo averli legati e posizionati con la teste in su, le punte devono restare fuori dall’acqua per circa 2 centimetri (in alternativa tenete da parte le cime e cuocete i gambi in una pentola normale),  fateli cuocere qualche circa 6/7 minuti, scolateli quando sono ancora sodi e tagliateli a pezzi  tenendo da parte le cime.

Togliete 2 o 3 gambi di asparagi dal mazzo, frullateli con un po’ di acqua di cottura e tenete la cremina ottenuta da parte.

Pulite le mazzancolle eliminando la testa, le code (tranne a 2), le carapaci e teneteli da parte e fateci il fumetto.

Nel frattempo cuocete la pasta scolatela al dente (3 minuti prima del termine della cottura).

In una padella mettete l’olio con l’aglio appena quest’ultimo imbiondisce aggiungete i gambi di asparagi tagliati a pezzetti, salate e fateli cuocere a fuoco basso coperti con un coperchio per 3 minuti (aggiungendo un po’ di fumetto dopo il primo minuto) poi inserite anche le cime, i gamberi, una punta di zenzero grattugiato fresco e rosolate il tutto per pochi secondi quindi sfumate con il vino e lasciate cuocere qualche altro minuto.

Aggiungete nella pentola con il condimento la pasta e la crema di asparagi e mescolate delicatamente, all’occorrenza, qualora risultasse troppo asciutto, aggiungete un po’ fumetto/ acqua  e ultimate la cottura per pochi minuti.

Spegnete la fiamma quando il condimento è ancora cremoso (non deve asciugarsi troppo).

Impiattate mettendo la pasta nel piatto, nel centro inserite 2 mazzancolle con le code e intorno a formare un fiore impuntate 5 punte di asparagi in modo che stiano in piedi.

calamarata di mazzancolle e asparagi

Se ti è piaciuta la mia ricetta e non vuoi perdere le prossime metti il Like e segui la mia pagina  Facebook Cucinaserena oppure Instagram, mi trovi anche su Twitter e Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *