Torta di rose al cacao e tè matcha

dolce lievitato al cacao e te matchaOgni anno quando si avvicina la festa della mamma indiscutibilmente la torta di rose diventa la protagonista delle tavole e del web, in verità non c’è un vero legame fra questo dolce e la ricorrenza, ciò che le accomuna è il richiamo alla rosa quel fiore che sboccia a maggio, lo stesso mese in cui si celebrano le mamme, un fiore bello come ognuna è agli occhi di un figlio ma delicato come la fragilità emotiva di un cuore di madre.

Le origini storiche di questa torta brioche farcita con crema al burro e dalle sembianze di tante piccole rose sembrano risalire alla fine del XV secolo, si dice infatti che fu realizzata nel 1490 per le nozze tra Francesco II di Gonzaga e Isabella D’Este, il dolce riscosse talmente tanto successo che entrò di diritto a far parte della cultura gastronomica mantovana di cui ancora oggi ne è vanto. In passato c’era l’usanza di regalarla alle giovani neo-mamme per aiutarle a recuperare le forze dopo aver messo al mondo un figlio.

A casa mia solo da qualche anno è diventata un’istituzione della domenica di maggio dedicata alla mamma da quando ho scoperto che a mia madre piace; oggi quindi vi propongo la versione che ricalca i suoi gusti con una marmellata di agrumi al posto della crema al burro (come vorrebbe la ricetta tradizionale ma che a lei non piace) e una generosa manciata di mandorle sopra.

Quest’anno però ho voluto regalarle una versione speciale bicolore e bigusto al cacao e tè matcha e anche se nei gusti lei è piuttosto votata al tradizionalismo ha apprezzato molto il mio estro sperimentale e il sapore particolare, essendo stata pienamente promossa la condivido quindi con particolare soddisfazione.

Un esemplare di torta delle rose diversa dalla classica di cui oggi ricorre la GN nel calendario del cibo italiano

Ingredienti:

Tempo 50 min + lievitazione
persone quantità 8
  • 350 g di farina manitoba
  • 2 cucchiai di zucchero di canna
  • 170 g di latte
  • 3 tuorli d’uovo
  • 25 g di lievito di birra
  • 30 g di olio extravergine di oliva
  • 1 pizzico di sale
  • zeste di un limone bio
  • 1 cucchiaino colmo di tè matcha
  • 2 cucchiai di cacao amaro in polvere
  • marmellata di clementini (o arance) q.b.

Ingredienti per decorare:

  • 3 cucchiai di miele d’arancio (o millefiori)
  • 1 cucchiaio di acqua calda
  • 20 g di mandorle in lamelle

Preparazione:

In una ciotola mescolate il lievito con il latte  tiepido e lo zucchero fino a quando non si saranno sciolti bene.

In un terrina setacciate la farina con il pizzico di sale, versate mescolando il latte con il lievito sciolto, poi le uova che avrete sbattuto un pochino a parte, lo zeste di limone e l’olio, mescolando per qualche minuto finchè avrete un impasto liscio.

Dividete in due l’impasto, allargate un pochino con le mani  ciascuna metà nel centro di una mettete il tè matcha ed impastate velocemente sino a quando l’impasto non avrà assunto un colore compatto (enete presente che il te matcha è un colorante naturale sicchè il colore risulterà un verde molto delicato, vi sconsiglio tuttavia di usarne di più perchè accentuerebbe il retrogusto amaragonolo tipico di questo te e inoltre farebbe perdere troppa umidità alla pasta lievitata).

Fate lo stesso con l’altra metà d’impasto colorandola con il cacao.

Mettete i due impasti a riposare in ciotole separate entrambe precedentemente unte d’olio e ricoperte con della pellicola poi riponetele a riposare per un paio d’ore nell’abitacolo del forno spento ma con la luce accesa e lo sportello ben chiuso fino a quando non avranno raddoppiato il loro di volume.

Trascorso questo tempo riprendete i due impasti e stendeteli ciascuno con il mattarello su un foglio di carta forno dandogli la forma di due rettangoli da 22×15 cm.

torta di rose al cacao e te matchaSpalmate  la superficie di ciascun rettangolo con la  marmellata di clementini* lasciando circa 1 cm da ogni bordo (così la pasta aderirà bene quando la richiuderete) e arrotolate la sfoglia su se stessa formando un cilindro.

Tagliate ogni cilindro in tronchetti di 4 cm l’uno,  richiudete bene la base di ognuno per evitare che il ripieno fuoriesca durante la cottura.

Rivestite il fondo di una tortiera da 24 cm con della carta forno e adagiate pezzi d’impasto ben distanziati tra loro alternando i due colori.

Coprite e lasciate lievitare di nuovo per un’altra ora sempre in un luogo asciutto e caldo.

Cuocete a 180° nel forno statico per 30 minuti avendo cura di coprire la superficie della torta dopo i primi 10 minuti per evitare che si scurisca troppo.

Una volta cotta sfornate e fatela raffreddare.

Nel frattempo mettete le mandorle in un  padellino e fatele scaldare pochissimi secondi giusto il tempo che tirino fuori l’aroma non di più altrimenti rischiate che imbruniscano troppo.

Preparate la glassa per lucidare la torta: mettete in una ciotola il miele diluitelo con l’acqua calda e mescolate per ottenere una mixture omogenea.

Spennellate la superficie della torta ormai fredda con questa glassa e cospargete subito con le mandorle per farle aderire.

Torta di rose bicolore

Nota: *per farcirla in alternativa potete sostituire la marmellata con della crema al burro (70 g di burro e 70 g di zucchero di canna) come la ricetta tradizionale vuole.

Fetta di torta delle rose

Se ti è piaciuta la mia ricetta e non vuoi perdere le prossime metti il Like e segui la mia pagina  Facebook Cucinaserena oppure Instagram, mi trovi anche su Twitter e Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *