Pizzette margherita al pomodoro e origano

pizzette margheritaSembro affetta dalla sindrome primaverile vedo fiori ovunque e li riproduco anche in cucina, sarà che soffro molto l’inverno, il freddo, le giornate corte uggiose che mi spengono un po’ il sorriso, con l’arrivo della stagione più mite invece vengo travolta dall’euforia della natura in fiore.

Queste pizzette le faccio ormai da anni ed ero anche convinta di averle già pubblicate poi, dopo il successo della torta fiore della scorsa settimana, cercandole nel blog mi sono accorta che invece non c’erano, ormai le ricette iniziano ad essere abbastanza numerose da perdere il filo di quelle che ho condiviso e quelle che sono ancora nella lista dei “to do/to share“.

Non servono occasioni speciali per farle talmente sono buone (a pensarci però credo che il motivo per il quale non le avevo pubblicate è che finiscono sempre prima  di essere fotografate), sono risolutive come appetizer per accompagnare un bicchiere di vino o un drink quando arrivano ospiti improvvisi, ideali per la merenda dei bambini soprattutto quando tornano a casa con amichetti non previsti ma vi confesso che io le faccio ogni volta che ho voglia di coccolarmi con uno sfizio gustoso.

E’ una ricetta da annotare perchè facile, veloce da fare con solo tre ingredienti: si impasta, poco tempo di riposo poi si stende e si inforna il tutto con una rapidità incredibile.

Potete farle con la classica forma tonda oppure dargli una forma particolare (cuore, fiore, stella, alberello) per vestirle di appetibilità anche al colpo d’occhio, ora che io sia una fautrice del buono è bello non è una novità per chi mi legge così vi presento queste pizzette nella forma che sono solita dargli ovvero di fiore margherita e che a me piace tanto.

Vi lascio ricetta con qualche consiglio per farle impeccabili..

Con questa ricetta partecipo al contest “Prelibatezze da buffet”  del blog “Il Pomodorino Confit”

 

 

 

 

 

pizzette al pomodoro e origano

Ingredienti:

Tempo 25 minuti + riposo
persone quantità 18 pz
  • 160 g di farina “00”
  • 160 g di formaggio spalmabile
  • 20 g di burro
  • 1 cucchiaino da te di sale

Ingredienti per il condimento:

  • 350 g di pomodoro pelato (o ciliegino)
  • 1 spicchio di aglio
  • 2 foglie di basilico
  • origano q.b.
  • sale q.b.
  • olio extravergine di oliva q.b.

Preparazione:

Mettete in una ciotola la farina, il formaggio spalmabile, il burro ridotto a pezzettini, un pizzico di sale amalgamate gli ingredienti quando si saranno mescolati impastate fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo.

Formate una palla, ricopritela di pellicola trasparente e lasciatela riposare in frigorifero per circa mezz’ora.

Nel frattempo preparate il sugo: mettete a scaldare l’olio con lo spicchio di aglio quando quest’ultimo sarà diventato dorato aggiungete il pomodoro, salate e fate cuocere a fuoco basso il primo minuto scoperto poi aggiungete il basilico e proseguite la cottura coprendo il tegame con un coperchio per circa 10 minuti.

Una volta cotto spegnete la fiamma, eliminate l’aglio e lasciate raffreddare, quando il sugo si sarà completamente raffreddato togliete anche il basilico e frullate con un minipimer per ottenere un sugo fluido.

Trascorso il tempo di riposo riprendete l’impasto dal frigorifero, stendetelo su di una spianatoia infarinata e ricavate delle pizzette spesse 4 mm del diametro di 5 cm ma volendo potete farle della dimensione che preferite. Io ho utilizzato un cutter a forma di margherita ma potete dargli una forma tonda utilizzando un bicchierino da caffè.

Man mano che le preparate adagiate le pizzette su una leccarda ricoperta di carta forno, condite ogni pizzetta con il sugo, una spolverata di origano e un filo di olio extravergine di oliva.

Infornate nel forno preriscaldato e lasciate cuocere le pizzette per 15 minuti a 200°.

Consigli: se volete un sapore più ricco a metà cottura mettere della scamorza grattugiata, sconsiglio di utilizzare la mozzarella perchè il siero le renderebbe troppo umide.

Queste pizzette sono ideali da mangiare appena fatte, essendo prive di lievito infatti il giorno dopo perderebbero già la consistenza croccante, nel caso vi avanzassero (ne dubito!) è preferibile scaldarle un po’ nel forno statico (non al microonde).

pizzette a forma di margherita

Nota: l’impasto può essere surgelato intero e scongelato al momento dell’utilizzo oppure potete formare le pizzette e surgelarle senza cuocerle

Se ti è piaciuta la mia ricetta e non vuoi perdere le prossime metti il Like e segui la mia pagina  Facebook Cucinaserena oppure Instagram, mi trovi anche su Twitter e Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *