Frittata di pasta

Frittata di spaghettiLa frittata di spaghetti è un classico delle scampagnate pasquali o primaverili, forse un tempo veniva associata all’arte del riciclare gli avanzi di pasta seguendo l’istituto dell’economia domestica secondo il quale in cucina non si buttava via nulla ma oggi nell’era dell’opulenza questo piatto viene preparato alla stregua di altri di più elevato lignaggio gastronomico perchè è saporito, gustoso, fa gola e soddisfa la fame.

Un leccornia salata pratica da realizzare, essendo fatta con ingredienti facilmente reperibili e veloce nei tempi di realizzazione nonchè ideale per le scampagnate fuori porta di questi giorni.

La ricetta che vi presento è tratta dal libro “Fegato qua, Fegato là, fegato fritto e baccalà – Le ricette di Totò ovvero, quisquilie a pranzo e pinzillacchere a cena” una pubblicazione postuma voluta dalla raccolta figlia Liliana di ricette di famiglia che proprio il “Principe” de Curtis aveva personalmente curato, una sorta di libro nero nel quale prima la nonna, poi la mamma e infine l’attore stesso avevano le avevano trascritte. Il legame profondo che Totò aveva con il cibo trapela anche dal curioso racconto secondo il quale si narra che egli assaggiasse i piatti appena cucinati dalle donne di casa in religioso silenzio prima di pronunciarsi sulla riuscita o meno della ricetta.

Oggi 14 aprile 2017 cade il cinquantenario della scomparsa di Antonio De Curtis (in arte Totò) per la cui riccorrenza sono iniziate a Napoli diverse manifestazioni per ricordarlo (a partire dalla mostra antologica monumentale denominata ‘Totò Genio’ appena aperta nei giorni scorsi) ho pensato quindi che una ricetta tratta dal suo libro sarebbe stata un bell’omaggio al Principe delle risate Totò che amava mangiare e aveva il culto della buona tavola da lui ancor più apprezzata in ragione degli anni duri della gavetta in cui aveva patito la fame non a caso il concetto di “fame” è un leitmotiv di molte sue pellicole cinematografiche.

Sesiete dei suoi estimatori vi invito a seguirmi su Instagram, Facebook e Twitter sabato 22 p.v. in cui, insieme ad altre/i food bloggers, farò con il  Nuovo calendario, un tour a Napoli nel quartiere Sanità alla scoperta dei luoghi dove Toto’ è nato e vissuto e che sono stati per lui fonte di ispirazione nonché set di innumerevoli film in cui la cucina compare spesso come protagonista.

Anche il nuovo calendario del cibo italiano dedicata a Totò la giornata di oggi alla quale prendo parte con questa ricetta

Ingredienti:

Tempo 20 min
persone quantità 2/3
  • 250 g di spaghetti (o spaghetti di riso gluten free)
  • 2 uova
  • 1 tazza di parmigiano grattugiato
  • 2 fette (erte) di salame piccante
  • sale q.b.
  • pepe q.b.
  • olie extravergine di oliva q.b.

Preparazione:

Cuocete la pasta, scolatela quando è ancora al dente e mettetela da parte.

Tagliate a dadini le fette di salame tagliate erte e tente anche questo da parte.

Sbattete le uova in una terrina con una frusta o una forchetta, aggiungete il sale, il pepe, il parmigiano grattugiato e mescolate quindi inserite anche i dadini di salame.

Unite gli spaghetti al composto di uova e mescolate accuratamente per far amalgamare tutti gli ingredienti.

In una padellino del diametro di 12 cm) versate un cucchiaio di olio e fatelo scaldare, appena inizia a sfrigolare arrotolare un po’ di spaghetti con  un forchettone e alloggiateli nel padellino, muovetelo in modo che si espandano per tutto il diametro del pentolino versateci sopra un po’ di composto di uova, coprite per 3/4 con un coperchio e fate cuocere per alcuni minuti, fino a quando la parte inferiore risulterà abbrustolita (alzate un lato con una spatola per verificare), girate la frittata con l’ausilio di un piatto e fate rosolare anche l’altro lato.

Proseguite allo stesso modo per fare le altre, in alternativa potete fare una frittata unica (se la volete grande per 6 persone raddoppiate le dosi).

Una volta cotta mettetela su della carta paglia per fargli perdere l’olio in eccesso.

Servitela in un piatto tiepida o fretta oppure in alternativa, se per un brunch o una scampagnata rivestitele con carta forno e fermate la carta con uno spago come nella foto e diventerà un perfetto e pratico pic-nic.

frittata finger food

Se ti è piaciuta la mia ricetta e non vuoi perdere le prossime metti il Like e segui la mia pagina  Facebook Cucinaserena oppure Instagram, mi trovi anche su Twitter e Pinterest

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *