Mini tartellette con lenticchie profumate all’arancia

Tartallette mignon con lenticchie profumate all'arancia

Primo post del nuovo anno con una ricetta augurale che contiene un ingrediente che non manca mai per tradizione nelle cene di capodanno come auspicio di fortuna e prospertità.

Tale credenza affonde le sue origini nell’antica usanza romana di regalare un borsellino di cuoio (in gergo una “scarsella”) contenente lenticchie da legare alla cintura con l’augurio che si trasformassero in monete. Non a caso il termine lenticchia deriva dalla particolare forma di questi legumi che richiama proprio quella di una moneta e visto che la cottura ne fa aumentare il volume venne intesa come simbolo per augurare una crescente prosperità.

Non sarà forse un caso che l’Aifb (associazione italiana food blogger) proprio ieri, 1 gennaio, ha festeggiato la giornata nazionale della lenticchia per il l’italian food calendar.

Mi associo al buon augurio di prosperità con queste mini tartellette di brisè perfette per smaltire le lenticchie rimaste nella dispensa o per riciclare quelle avanzate dal Cenone del giorno prima.

Una ricetta facile, gustosa (veloce se avete le lenticchie avanzate) e davvero deliziosa, ecco come realizzarle..

Tempo 30 minuti
persone quantità 20 pz

Ingredienti:

  • 1 rotolo di pasta brisè
  • 60 gr di lenticchie (di castelluccio*)
  • 1/2 costa di sedano
  • 1/2 carota
  • 1/4 di cipolla
  • 1/2 arancia (succo)
  • 1 rametto di aneto
  • sale q.b.
  • peperoncino q.b.
  • olio evo q.b.

Preparazione:

In una tegame mettete a soffriggere il quarto di cipolla intero con 3 cucchiai di olio evo, aggiungete le lenticchie, fatele tostare e quando saranno insaporite bene inserite anche la carota ridotta in pezzi grossolani, la costa di sedano intera, il peperoncino e l’aneto, fate cuocere 6-7 minuti poi allungate con un bicchiere di acqua.

Nel frattempo spremete e filtrate con un colino il succo di mezza arancia e tenetelo da parte.

Quando l’acqua si sarà ritirata aggiungete il succo di arancia, salate e fate cuocere altri 5 minuti.

Spegnete e lasciate raffreddare poi eliminate gli odori.

Ora dedicatevi alla preparazione delle mini tartallette: prendete la brisè e con un coppapasta (o con una tazzina capovolta) ricavate dei cerchi di pasta ed alloggiateli nello stampo per mini muffins.

Dalla pasta avanzata ricavate dei decori da mettere al centro della tartalletta (io ho utilizzato gli stampini ad estrazione per fare i fiocchi di neve ma andranno bene anche delle stelline o dei fiorellini) ed adagiateli su di un teglia ricoperta di carta forno.

Con il rebbi di una forchetta praticate dei fori sulla base delle tartallette che si trovano all’interno degli stampini, riempitene gli incavi con dei legumi secchi e cuocete in forno preriscaldato a 180° per circa 6-8 minuti (dipende da quanto sono grandi le tartallette) e comunque fin quando non risulteranno dorate.

Sfornatele e fatele raffreddare.

Ora cuocete in forno anche i decori di pasta brisè per 3-4 minuti abbassando la temperatura a 160° e lasciateli raffreddare.

Quando i gusci di brisè saranno freddi riempiteli con le lenticchie (alle quali avrete eliminato prima  tutti gli odori) e mettete nel centro di ciascuna tartalletta una decorazione di pasta brisè.

Saranno ancor più belle se presentate versione finger food all’interno di pirottini di carta come nella foto.

Mini tartallette di brisè con lenticchie con succo di arancia
Tartallette di brisè mignon ripiene di lenticchie al profumo di arancia versione finger food

 

Nota: *Ho usato le lenticchie di castelluccio perchè sono fra le qualità migliori ed anche perchè sono più piccole di dimensione e quindi perfette per riempire questi gusci di brisè in formato mignon ma voi potete utilizzare le lenticchie che preferite, se la qualità lo richiede avendo cura di metterle in ammollo prima per farle ammorbidire.

Se non trovate l’aneto potete usare anche la barba del finocchio.

Credits ricetta: IFood

 

 

Se non vuoi perdere le prossime ricette metti il Like e segui la mia pagina  Facebook Cucinaserena Instagran e Twitter

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.