Filetti di persico reale alla mediterranea

20150901_214336

Quando arrivo al banco del pesce del market dopo il lavoro è già tardi e mi devo adattare alle qualità rimaste di pescato fresco proprio com’è accaduto oggi..

Era rimasta infatti poca scelta e fra quelle disponibili c’erano i filetti di persico reale, un pesce bianco d’acqua dolce apprezzato in cucina per il suo sapore delicato ma anche perchè versatile, privo di pelle e di spine tutte caratteristiche ottime per una preparazione veloce e di sicura riuscita.

Io l’ho cucinato in maniera semplice con pomodoro, olive, capperi e prezzemolo ma al momento della presentazione, nonostante la semplicità della ricetta, è risultato di grandissimo effetto ed anche nel sapore ha riscosso gran successo.

Con questa ricetta partecipo al contest di Batuffolando: mare o montagna

banner grande mare o montagna OK

Ecco qui come realizzare questo piatto di pesce semplicissimo..

 Ingredienti:

Tempo 40 minuti
persone quantità 2
  • 400 g di filetto di persico reale*
  • 1 pomodoro
  • 1 cucchiaio di olive nere denocciolate
  • 1 bicchiere di vino bianco
  • 2/3 rametti prezzemolo q.b.
  • 1 cucchiaino di capperi di pantelleria dissalati
  • aglio q.b.
  • olio q.b.
  • sale q.b.

Preparazione:

Innanzitutto accendete il forno e portatelo alla temperatura di 200° gradi.

Nel frattempo pulite e tagliate il pomodoro a cubetti non troppo piccoli.

Sminuzzate il prezzemolo fresco tenendone da parte una manciata.

Prendete quindi un tegame rivestitelo con della carta forno ed adagiatevi i filetti di pesce già puliti copriteli con il pomodoro, le olive denocciolate, i capperi, l’aglio, il prezzemolo, salate ed irrorate infine con il vino bianco ed un filo di olio.

Mettete la teglia in forno per circa 30/35 minuti.

Sfornate, cospargete con del prezzemolo fresco tenuto da parte, un filo d’olio e servite.

Filetto di persico reale alla mediterranea da cuocere

 

Nota: E’ preferibile acquistare il persico reale e fresco perchè è la qualità che si trova anche nei nostri laghi ed è quindi più controllato, il resto invece è quasi sempre di origine africana.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *